Pubblicato il

La non esperienza…

cust_experience2Ritornando al post precedente in riferimento all’importanza per alcuni utenti di essere nel web, ho anche specificato come la non esperienza può comportare conseguenze melodrammatiche se non addirittura drammatiche e disastrose.

media
ll fatto che tutti possano essere presenti nel web, non significa che tutti siano in grado di utilizzare questo strumento, ecco perché è giusta l’affermazione Internet per tutti ma il suo reale utilizzo per pochi. Un esempio bizzarro ed anche eclatante viene riportato in questo articolo,Conto salato  dove un minorenne si è ritrovato un conto piuttosto salato proprio per la sua incompetenza ed un’esperienza.
Già il fatto la dice lunga che i minori possano utilizzare internet in completa autonomia, ma a parte questo dettaglio importante, fa capire che la non giusta informazione, ricerca ed approfondimento può portare a conseguenze anche pericolose. Non si scherza con il web. Educare all’informazione non deve essere diretto ai soli minorenni che spesso ne fanno abuso di questo mezzo ma, si dovrebbe insegnare a chiunque entri a farne parte. Il fai da te in questo caso potrebbe essere controproducente

Pubblicato il

L’importanza di essere…online

Concept internet communicationIl mondo del web è diventato, nel corso degli anni, un sipario aperto a molti interessi. Il nostro modo di interagire in un click ci ha permesso di conoscere ed esplorare diversi mondi senza necessariamente spostarsi. Sia che siamo utenti attivi o passivi, utilizziamo internet per qualsiasi motivo ma sopratutto per effettuare ricerche.

Cosa cerchiamo? Contenuti, informazioni, utenti, dettagli. Tutto quello che può essere utile al nostro sapere o alla nostra semplice curiosità.
Gli utenti “attivi” che utilizzano questo immenso mezzo di comunicazione, sfruttando la rete non solo per effettuare le ricerche ma anche e sopratutto per farsi conoscere.
Il canale perfetto per far sì di poter entrare in contatto, a livello virtuale, con un determinato canale di utenti.
Un modo per poter far sapere chi si è e cosa si fa.
Ma tutti possono essere in rete?
Ovviamente chiunque può farne parte. Internet è aperto a tutti ma è per pochi. Proprio così.

user-group-iconL’utilizzo errato del web potrebbe essere anche controproducente per l’utente che sottovalutando il suo potere ne rimane in un certo senso intrappolato.
Il web o la presenza in internet deve essere sempre ponderata ed indirizzata in maniera opportuna, giusta ed equilibrata.
Qualsiasi movimento effettuiamo sul web viene sempre memorizzato, ed anche se cancelliamo quei contenuti non è detto che li abbiamo eliminati realmente.
Tutto è in memoria e la memoria virtuale è dura a morire.

Se non fosse per questo mezzo di comunicazione difficilmente potremo ricevere determinate informazioni.

Per chi vuole aprire un proprio canale per far conoscere quello che fa o quello che realizza consiglio sempre di farsi guidare, sia attraverso esperti e professionisti che possono indirizzarlo e sia, per capire a chi può essere rivolta questa o quella informazione che si vuole dare.
L’utilizzo di internet e con questo anche dei social media non deve essere un tramite per sfogare i propri problemi personali, le frustrazioni o tutto quello che non va nella nostra vita. Non deve essere la piazza dei nostri sentimenti. Il detto : “i panni sporchi si lavano in casa propria” è valido sopratutto in rete. Anzi, spesso i rapporti anche sentimentali si deteriorano per quel troppo esporre con immagini e testi la propria “vita privata e personale”, che appunto sarebbe meglio mantenere privata e personale…

La rete serve ed è importante per chi desidera farsi conoscere, sopratutto se consapevole che il suo contributo in rete è utile non solo a se stesso (per generare traffico ecc) ma anche per chi lo leggerà.
La rete è condivisione e scambio, interazione e connessione. Difficilmente i super IO hanno un grande successo.
Per generare “traffico” bisogna cominciare poco a parlare di sé (quello che è necessario per farsi conoscere) ma per fare in modo di diventare un contenuto e quindi un interesse per chi viene a farci visita, bisogna appunto scrivere e proporre elementi quantomeno interessanti o che possano generare interesse.
Altrimenti sarà un prodotto (il nostro) a senso unico e nel mondo dei media, il senso unico è già una trappola!

compexp

La regola più importante sul web e sui media è quella di generare appunto contenuti. I contenuti possono rappresentare qualsiasi cosa (immagini, video, audio, scritti), sarebbe meglio contenuti scritti anche in immagini e video, una descrizione dettagliata, video o audio presentazioni brevi e collegamenti, riferimenti, citazioni, affiliazioni ecc …

Le possibilità sono tante ed interessanti.

L’importante è conoscere prima di agire, approfondire e confrontarsi.
internet-growth