Pubblicato il

Amore & Consapevolezza

amoreC’e sempre una sorta di disuguaglianza nei sentimenti, un’ala che rispetto all’altra non si divarica per spiccare il volo ma rimane piu vicina al corpo come se la brezza di vento in qualche modo la spaventasse, come se l’apertura totale comportasse una perdita di sé, lasciandosi solo guidare dalla maestosità dell’altra, così, se inizialmente la parte più forte più coraggiosa si eleva, non riesce a raggiungere il cielo ed il suo movimento sarà semplicemente circoscritto, circolare, un pò più in alto sempre più in giu, per perdersi nel vortice della stessa consuetudine ed amara consapevolezza di non far parte né del Cielo né della Terra.
La paura dell’ignoto, di un sentimento che travolge  i sensi è qualcosa che ti spinge a scoprire tutte le tue carte, metterti in gioco, e la condanna dell’amore terrestre è di non trovare mai una dimora dove potersi riposare e lasciare radici ramificandosi nell’albero più possente ma, sempre buttato giù da qualche inconsapevole taglialegna, per fare dei suoi pezzi brace per riscaldare corpi freddi o per inventare arredi ed imbellire  la povertà  ed il vuoto dell’anima.
L’amore ( così come viene vissuto) non era per tutti e la sua grandezza spesso dimorava in cuori pigri.

amore consapevolezza
Ma l’amore, il vero amore, profondo, spirituale, rimaneva  un dono che esisteva nonostante la sua privazione, nonostante la lucida analisi delle sofferenze fisiche ed interiori. Perchè sentirsi inadatti o inadeguati alla sua bellezza? Infondo poteva essere considerato come Un cielo immenso armonioso, grandioso, infinito, con sfumature e contorni che ne davano ancora più risalto.
Rimaneva sempre se stesso ed erano gli altri ad adattarsi a lui, a cercarlo o respingerlo, ospitava tutti ed anche chi decideva di andarsene come una stella cadente.
Quando ti rendi conto di avere questo potere, sapere amare, conoscere l’amore, non puoi non condividerlo, hai la capacità di donarlo, esserci quando gli altri se ne vanno, esserci nonostante gli altri.
Non puoi perdere nulla se hai un infinito amore.
Se l’altro non è suo portatore sano ha perso se stesso lungo la strada e deve ritrovarsi perché, un airone con un’ala chiusa, è facile preda del male.