Pubblicato il

Citazioni motivazionali

Quante volte ricerchiamo frasi, parole, citazioni che, in qualche modo, ci motivino, dove possiamo riconoscerci o che siano la frase giusta di quel preciso istante, rappresentando il nostro stato d’animo?

Molte frasi, che alle volte si ripetono, diventano come una medicina, talvolta ci consolano e talvolta ne abbiamo bisogno…

Spronarci a non arrenderci ma far sì di trovare tutte le possibilità possibili per arrivare a buoni risultati…

Alle volte abbiamo bisogno di cadere nel vuoto per ritrovare noi stessi… alle volte i dubbi ci aprono strade nuove e ci portano a riflettere…

La paura è tutto quello che impedisce ad un essere umano di andare sino in fondo o anche di non iniziare …

Pubblicato il

Il metodo di studio universitario

PREMESSA

Prima di affrontare l’aspetto organizzativo di un “metodo di studio” è necessario capire e trovare le nostre personali motivazioni del perchè decidiamo di intraprendere un determinato percorso accademico.

Alle volte può accadere che il periodo successivo al diploma porti alcuni ragazzi a non sapere quale Facoltà scegliere e, più delle volte, le scelte vengono fatte seguendo certi percorsi perché influenzate da situazioni esterne ( es. famiglia) o convinzioni personali che però possono risultare delle trappole.

In questi video proposti saranno evidenziati gli aspetti salienti prima di cominciare a dare uno dei tanti suggerimenti su un metodo di studio …

https://youtu.be/WIJKmgamvXc

Il video successivo inoltre vi darà degli spunti di riflessione e per far sì che possiate iniziare a scegliere il vostro “destino” con maggiore libertà è una migliore consapevolezza…

https://youtu.be/OWoP_FJF3B8

Infine viene suggerito uno dei tanti metodi che potete trovare sul web … la cosa più importante è trovare la vostra personale motivazione … far si che possiate prima comprendere bene il perchè e poi saprete più facilmente come…

La passione è tutto …

https://youtu.be/2HAyjiPtg1s

https://youtu.be/H4S4rAeBtTk

#metododistudio #iniziareastudire #disciplina #studiareconmetodo

Pubblicato il

La non esperienza…

cust_experience2Ritornando al post precedente in riferimento all’importanza per alcuni utenti di essere nel web, ho anche specificato come la non esperienza può comportare conseguenze melodrammatiche se non addirittura drammatiche e disastrose.

media
ll fatto che tutti possano essere presenti nel web, non significa che tutti siano in grado di utilizzare questo strumento, ecco perché è giusta l’affermazione Internet per tutti ma il suo reale utilizzo per pochi. Un esempio bizzarro ed anche eclatante viene riportato in questo articolo,Conto salato  dove un minorenne si è ritrovato un conto piuttosto salato proprio per la sua incompetenza ed un’esperienza.
Già il fatto la dice lunga che i minori possano utilizzare internet in completa autonomia, ma a parte questo dettaglio importante, fa capire che la non giusta informazione, ricerca ed approfondimento può portare a conseguenze anche pericolose. Non si scherza con il web. Educare all’informazione non deve essere diretto ai soli minorenni che spesso ne fanno abuso di questo mezzo ma, si dovrebbe insegnare a chiunque entri a farne parte. Il fai da te in questo caso potrebbe essere controproducente

Pubblicato il

L’importanza di essere…online

Concept internet communicationIl mondo del web è diventato, nel corso degli anni, un sipario aperto a molti interessi. Il nostro modo di interagire in un click ci ha permesso di conoscere ed esplorare diversi mondi senza necessariamente spostarsi. Sia che siamo utenti attivi o passivi, utilizziamo internet per qualsiasi motivo ma sopratutto per effettuare ricerche.

Cosa cerchiamo? Contenuti, informazioni, utenti, dettagli. Tutto quello che può essere utile al nostro sapere o alla nostra semplice curiosità.
Gli utenti “attivi” che utilizzano questo immenso mezzo di comunicazione, sfruttando la rete non solo per effettuare le ricerche ma anche e sopratutto per farsi conoscere.
Il canale perfetto per far sì di poter entrare in contatto, a livello virtuale, con un determinato canale di utenti.
Un modo per poter far sapere chi si è e cosa si fa.
Ma tutti possono essere in rete?
Ovviamente chiunque può farne parte. Internet è aperto a tutti ma è per pochi. Proprio così.

user-group-iconL’utilizzo errato del web potrebbe essere anche controproducente per l’utente che sottovalutando il suo potere ne rimane in un certo senso intrappolato.
Il web o la presenza in internet deve essere sempre ponderata ed indirizzata in maniera opportuna, giusta ed equilibrata.
Qualsiasi movimento effettuiamo sul web viene sempre memorizzato, ed anche se cancelliamo quei contenuti non è detto che li abbiamo eliminati realmente.
Tutto è in memoria e la memoria virtuale è dura a morire.

Se non fosse per questo mezzo di comunicazione difficilmente potremo ricevere determinate informazioni.

Per chi vuole aprire un proprio canale per far conoscere quello che fa o quello che realizza consiglio sempre di farsi guidare, sia attraverso esperti e professionisti che possono indirizzarlo e sia, per capire a chi può essere rivolta questa o quella informazione che si vuole dare.
L’utilizzo di internet e con questo anche dei social media non deve essere un tramite per sfogare i propri problemi personali, le frustrazioni o tutto quello che non va nella nostra vita. Non deve essere la piazza dei nostri sentimenti. Il detto : “i panni sporchi si lavano in casa propria” è valido sopratutto in rete. Anzi, spesso i rapporti anche sentimentali si deteriorano per quel troppo esporre con immagini e testi la propria “vita privata e personale”, che appunto sarebbe meglio mantenere privata e personale…

La rete serve ed è importante per chi desidera farsi conoscere, sopratutto se consapevole che il suo contributo in rete è utile non solo a se stesso (per generare traffico ecc) ma anche per chi lo leggerà.
La rete è condivisione e scambio, interazione e connessione. Difficilmente i super IO hanno un grande successo.
Per generare “traffico” bisogna cominciare poco a parlare di sé (quello che è necessario per farsi conoscere) ma per fare in modo di diventare un contenuto e quindi un interesse per chi viene a farci visita, bisogna appunto scrivere e proporre elementi quantomeno interessanti o che possano generare interesse.
Altrimenti sarà un prodotto (il nostro) a senso unico e nel mondo dei media, il senso unico è già una trappola!

compexp

La regola più importante sul web e sui media è quella di generare appunto contenuti. I contenuti possono rappresentare qualsiasi cosa (immagini, video, audio, scritti), sarebbe meglio contenuti scritti anche in immagini e video, una descrizione dettagliata, video o audio presentazioni brevi e collegamenti, riferimenti, citazioni, affiliazioni ecc …

Le possibilità sono tante ed interessanti.

L’importante è conoscere prima di agire, approfondire e confrontarsi.
internet-growth

Pubblicato il

Positività & Trasformazione

Un pò di tempo fa, ho letto un libro dai contenuti che considero interessanti. In questo libro viene indicato il modo di uscire da certe trappole mentali e da certe abitudini e diventare più consapevoli e meno ancorati in etichette e modi di essere che non portano fondamentalmente da nessuna parte.

Una politica del cambiamento partendo da se stessi.

careerconfusion1-e1417093044460Uno potrebbe domandarsi? Ma per capire qualcosa di se stessi si ha bisogno di un libro? Ovviamente non è necessario. Ognuno di noi ha un percorso delineato e le scelte che facciamo rimangono comunque personali e condizionano  la nostra esistenza ma, tutto quello che noi leggiamo, ascoltiamo, sentiamo, ci influenza sempre e comunque. Un bambino non potrebbe imparare determinate cose se non avesse un genitore che lo consiglia e lo sostiene, oppure, le indicazioni di qualcuno che è più esperto di noi ci permetterà di comprendere alcune cose.

Le nostre esperienze ci insegnano sicuramente molto ma alle volte non prendiamo nel modo giusto quello che accade. Ecco perché poi ricerchiamo qualcuno che possa indicarci una via, che seppur non sia la più semplice, probabilmente è la più indicata.

cambiamento angelica casiniSiamo sempre noi padroni della nostra vita, ma poter riflettere, discernere, imparare ed ascoltare male certo non ci fa.

Leggere ed apprendere sino a prova contraria ha sempre fatto bene, sopratutto alla mente. Se una persona si pone in maniera semplice e curiosa, e non come “tuttologo” o “saccente”, sicuramente ha ancora tante cose da scoprire che nemmeno immaginava. Io ad esempio imparo sempre e per me leggere non è solo un modo per allenarmi, imparare nuovi concetti o riflettere ma anche confrontarmi ed interagire.

Ad ogni modo per chi non conoscesse il libro, ovviamente ce ne sono tanti che considero ottimi per una riflessione personale, vi invito ad acquistare e leggere Libera la tua vita di Lucia Giovannini

libera la tua vita
libera la tua vita

Intanto iniziate a leggerlo. Male non può farvi… al massimo può darvi un ispirazione o una conoscenza in più…

Buona lettura…

Pubblicato il

Chiamatemi amore – Libro di Angelica Casini

testo di angelica casini
testo di angelica casini

Mi chiamo Chandra Angelica Casini sono nata il 22 ottobre 1977 nello Sri Lanka. Adottata quando ero molto piccola ho sempre vissuto in Italia, in particolar modo a Roma.

Laureata in Scienze Politiche e con la conoscenza di 4 lingue (inglese, francese, spagnolo, italiano), mi sono dedicata in attività artistiche In questi anni ho sempre cercato di trovare una mia identità e comprendere il “perché” di tante cose che ho dovuto affrontare.

Gli eventi passati, soprattutto dolorosi, invece di trasformarmi in un essere privo di “emozione”, mi hanno consegnato l’opportunità di “analizzare” con attenzione quello che avveniva intorno e dentro di me, consentendomi di “imparare” ed “accettare” con serenità, giusto equilibrio e consapevolezza molte cose e ”donarmi” una conoscenza ulteriore per  poter  scrivere “un libro”, una “storia”, un qualcosa, che appartenesse a tutti.

Così, in base alle personali esperienze e all’analisi di diversi testi, ho deciso di scrivere questo “libro”, dal titolo, “Chiamatemi Amore”.

Un racconto “salvifico” strutturato un po’ in stile “fiabesco”  che descrive il viaggio di un essere di luce, il quale, è invitato a trasmettere la sua essenza a  tutte le creature del Cielo e della Terra.

Essendo Pura Luce e non conoscendo nulla all’infuori del suo Mondo, viene guidata da tre figure, maestri importanti per la sua formazione, affinché possano consegnarli l’esperienza necessaria per comprendere le “difficoltà” degli esseri umani e poter dare a questi la possibilità di “scegliere” la giusta via per “rigenerare” il proprio spirito e la propria anima.

Ogni creatura del Cielo e della Terra donerà ad Amore un simbolo che rappresenta la loro “natura”, umana e non.

Chiamatemi Amore

Il racconto “salvifico” strutturato un po’ in stile “fiabesco” che descrive il viaggio di un essere di luce, il quale, è invitato a trasmettere la sua essenza a tutte le creature del Cielo e della Terra. Essendo Pura Luce e non conoscendo nulla all’infuori del suo Mondo, viene guidata da tre figure, maestri importanti per la sua formazione, affinché possano consegnarli l’esperienza necessaria per comprendere le “difficoltà” degli esseri umani e poter dare a questi la possibilità di “scegliere” la giusta via per “rigenerare” il proprio spirito e la propria anima. Ogni creatura del Cielo e della Terra donerà ad Amore un simbolo che rappresenta la loro “natura”, umana e non.

Per poter leggere il testo in pdf :

chiamatemi-amore

Pubblicato il

WhatsApp Guida per gli ossessionati

Utilizzo ossessivo di WhatsApp? Ecco alcuni rimedi
È inutile nasconderlo. Ormai WhatsApp ha preso piede nella nostra quotidianità. Sia se utilizzato per motivi personali o professionali, è un applicazione che consente non soltanto di inviare messaggi di testo istantanei ma anche messaggi vocali, condividere foto, musica, documenti, rimanere in contatto costantemente con tutti coloro che la usano presenti nella nostra rubrica.

Scream
Ma cosa sta accadendo?
Questa possibilità di scrivere, ricevere, inviare e visualizzare sta diventando non solo una moda/mania ma una vera e propria dipendenza. Molti utenti sono spesso online, per scrivere, leggere o guardare le foto del profilo di altri utenti o il loro ultimo accesso, ma non solo. Sempre più spesso si diventa ossessionati nel capire a che ora un utente abbia visualizzato un messaggio e nel caso lo avesse fatto perché non abbia risposto. L’utilizzo ossessivo di WhatsApp, il continuo controllo che si fa è diventata una vera patologia.

Ma … esiste un rimedio per limitare l’utilizzo di questa applicazione? A meno che non si usino maniere drastiche, ossia quello di cancellare la app dallo smartphone o eliminare il proprio account, si può comunque imparare a dosare il suo utilizzo. Tutto ciò porterà giovamento anche alla batteria del telefonino, non solo alla nostra salute psicofisica.
Se il motivo per cui una persona è spesso online è per visualizzare l’accesso o la visualizzazione dei messaggi di un’altra persona o al contrario è assillato dai continui messaggi che riceve, esiste un metodo semplice ed indolore ( piccolo suggerimento) per distaccarsi.
Il primo passo è quello di andare nelle impostazioni del cellulare e alla sezione notifiche deselezionare tutte le voci, questo permetterà già di avere tregua. Ma non basta. La persona ossessionata non si fermerà davanti ad un semplice disabilita notifiche. Il secondo passo è quello di allontanare l’icona dalla nostra vista, un pò come il detto lontano dagli occhi lontano dal cuore. Ebbene sì. Avviene questo. Nascondere l’app in una cartella qualsiasi che utilizziamo poco e spostare la cartella in un’altra pagina è già un ottimo modo per distaccarsene gradualmente. Infondo si deve aiutare a liberare alcuni utenti dal suo utilizzo ossessivo compulsivo. Il terzo step è quello inizialmente di mettere un cronometro e stabilire un tempo minimo di distacco, per ossia consentire il nostro cervello a non eseguire in maniera automatica alcune azioni, in poche parole abituarlo a disabituarsi, fare un reset insomma. Come tempo sarebbe meglio 30 minuti almeno. Non preoccupatevi i messaggi davvero urgenti non è detto che vengano scritti. Solitamente per queste cose si chiama. Intanto cominciate a fare altre cose, anche una semplice passeggiata. Trovate gli hobby, se proprio amate scrivere, prendete un foglio di carta ed una penna. Se siete ossessionati dalla presenza o meno in chat di una persona, allontanate il pensiero e la tentazione di controllare, piuttosto ascoltate musica, cantate anche se siete stonati, fate sempre altro. Perché non siete voi ad avere il controllo di WhatsApp ma è WhatsApp che ha il controllo su di voi, con il rischio che diventiate da semplici curiosi dei veri stalker, infastidendo il vostro interlocutore che potrà bloccarvi o ignorarvi per sempre.
Stessa cosa vale per i social network. La vita reale è fuori. Disabituate anche gli altri ad inviare messaggi. Se proprio volete sentire qualcuno ( senza diventare stalker quindi e rispettare la vita degli altri) chiamateli, chiedete un appuntamento, prendetevi insieme un caffè o fate una lunga passeggiata… ultimo suggerimento … invece di leggere l’ultima visualizzazione di qualcuno, iniziate a leggere qualche libro e scrivete una recensione o un opinione. WhatsApp utilizzatelo con cautela ed intelligenza.
E voi cosa fate o suggerite ?

Pubblicato il

Amore & Consapevolezza

amoreC’e sempre una sorta di disuguaglianza nei sentimenti, un’ala che rispetto all’altra non si divarica per spiccare il volo ma rimane piu vicina al corpo come se la brezza di vento in qualche modo la spaventasse, come se l’apertura totale comportasse una perdita di sé, lasciandosi solo guidare dalla maestosità dell’altra, così, se inizialmente la parte più forte più coraggiosa si eleva, non riesce a raggiungere il cielo ed il suo movimento sarà semplicemente circoscritto, circolare, un pò più in alto sempre più in giu, per perdersi nel vortice della stessa consuetudine ed amara consapevolezza di non far parte né del Cielo né della Terra.
La paura dell’ignoto, di un sentimento che travolge  i sensi è qualcosa che ti spinge a scoprire tutte le tue carte, metterti in gioco, e la condanna dell’amore terrestre è di non trovare mai una dimora dove potersi riposare e lasciare radici ramificandosi nell’albero più possente ma, sempre buttato giù da qualche inconsapevole taglialegna, per fare dei suoi pezzi brace per riscaldare corpi freddi o per inventare arredi ed imbellire  la povertà  ed il vuoto dell’anima.
L’amore ( così come viene vissuto) non era per tutti e la sua grandezza spesso dimorava in cuori pigri.

amore consapevolezza
Ma l’amore, il vero amore, profondo, spirituale, rimaneva  un dono che esisteva nonostante la sua privazione, nonostante la lucida analisi delle sofferenze fisiche ed interiori. Perchè sentirsi inadatti o inadeguati alla sua bellezza? Infondo poteva essere considerato come Un cielo immenso armonioso, grandioso, infinito, con sfumature e contorni che ne davano ancora più risalto.
Rimaneva sempre se stesso ed erano gli altri ad adattarsi a lui, a cercarlo o respingerlo, ospitava tutti ed anche chi decideva di andarsene come una stella cadente.
Quando ti rendi conto di avere questo potere, sapere amare, conoscere l’amore, non puoi non condividerlo, hai la capacità di donarlo, esserci quando gli altri se ne vanno, esserci nonostante gli altri.
Non puoi perdere nulla se hai un infinito amore.
Se l’altro non è suo portatore sano ha perso se stesso lungo la strada e deve ritrovarsi perché, un airone con un’ala chiusa, è facile preda del male.

Pubblicato il

Il senso di gratitudine

Mi accorgevo, anche con grande rammarico, di quanto fosse difficile saper dire GRAZIE. Il senso di gratitudine verso le cose e le persone sembrava non esistere. Lo vedevo negli altri e lo vedevo anche in me.

Come se tutto fosse dovuto, come se le cose ricevute, ottenute, non avessero alcuna importanza. Non c’era attenzione in nulla e in nessuno, concentrandosi di più alla superficie della cortesia, senza comprenderne la sostanza e la sua essenza più profonda.

La vita continuava. La frenesia in ogni cosa impediva la possibilità di fermarsi anche un solo istante e sentire il dono della vita stessa fatta di piccole e grandi elementi che facevano da cornice al nostro essere.
La gratitudine, la perla rara, che si era persa nelle assurde abitudini anche degli esseri più nobili.
La parola GRAZIE non era formata solo da sei lettere, ma in quelle, erano contenute l’amore, la considerazione, l’altruismo, la positività, le virtù della gratitudine, le virtù che non dovevano mai mancare.

Ringraziare tutto ciò che ci circonda e sopratutto tutti coloro che direttamente o indirettamente hanno permesso a noi di crescere, anche attraverso la sofferenza, tutti coloro che partecipano a questo meccanismo, a questa vivere civile, più volte dimenticato anche solo per pigrizia.
Ogni cosa ha una sua utilità. Ogni persona ha la sua importanza.Bisogna solo imparare a sentire in noi  quel senso di leggerezza dell’anima nel sapere dire con cuore aperto e sincero GRAZIE.
Le parole
Pubblicato il

Arte di vivere

Angelica Casini

La pittura è una forma d’arte. Come la musica, la danza, la scultura ecc cc, tutto quello che rappresenta o vuole rappresentare un emozione diventa ARTE e viene realizzata attraverso diversi mezzi e stili, forme e contenuti. Il nostro modo di essere autentici ed unici.

Ma seppur queste ARTI sono espressioni di EMOZIONI provate, innate, condivise, rappresentano comunque l’attimo, il momento.
Rappresentano un tempo finito ed uno spazio definito che può andare oltre il tempo grazie a chi di quell’arte ne ha dato un seguito.
Esiste però un’altra forma d’arte ancora più bella delle semplici arti visive, che può far parte sia del passato, del presente che del futuro. E’ l’arte più difficile da rappresentare non solo perché vasta, da una parte astratta, non definibile, controversa, ma anche perché molto potente, reale, immediata e che non colpisce solo  vista, olfatto, udito, tatto o gusto, ma le comprende tutte, tutti i cinque sensi.Tale forma d’arte è VIVERE!
Arte di vivere
arte di vivere di Angelica Casini
 VIVERE porta con sé tutte le emozioni, tutte le espressioni d’arte e non è rappresentato solo da una semplice danza perché è un insieme di danze, non può essere classificato in uno stile pittorico perché è una serie di stili e musicalmente può avere melodie bellissime, soavi, semplici o rumori fortissimi, orchestre, o solo silenzi.
Non basta solo respirare o far parte dell’esistenza. Nessuno potrà mai insegnartelo, nessuno sarà in grado di indirizzarti senza per questo modificare già il tuo comportamento con l’esterno.
Facciamo cose per far contenti noi pensando di accontentare gli altri. TROPPE PRETESE.
Facciamo ragionamenti anche elaborati perché ci rendano più interessanti agli occhi non solo degli altri ma specialmente di noi stessi. TROPPO STRESS.
Facciamo di tutto per renderci quanto meno piacevoli, fisicamente, culturalmente, interiormente, ricercando l’altro a cui indirizzare il nostro interesse per un nostro  EGOISTICO appagamento. TROPPO ELABORATO.
Abbiamo paura della SOLITUDINE convincendoci che stare con qualcuno possa sopperire o colmare i nostri VUOTI. TROPPE PAURE.
Troppo volubili per ESSERE semplicemente noi stessi.
Se solo imparassimo a dar vita alla nostra VITA, amando la nostra ESISTENZA senza pretendere troppo, senza chiederci troppo, domandarci troppo, imparando anche l’ironia.
Se solo ricercassimo emozioni non traballanti e momentanee, positive o negative o false logiche e falsi sentimenti non avremo già imparato un qualcosa di più di noi stessi? Non avremo scoperto qualcosa in più della nostra ed unica ARTE DI VIVERE?
Infondo Non saremo mai un falso, né una copia, né una rappresentazione.
Siamo ARTE, VITA, STORIA, CULTURA, MONDO. Dobbiamo imparare solo a VIVERE rappresentandoci nella maniera più semplice ed unica.
Cosa ne pensate?
Pubblicato il

Un modo di comunicare – Il mondo Youtube

YouTube è senz’altro una piattaforma molto utile per chi desidera condividere alcuni video, sopratutto personali o professionali e potersi far conoscere.

Naturalmente i video di presentazione, ritengo debbano essere brevi, affinché l’interesse dell’utente rimanga costante.

Sopratutto se non si tratta di un video musicale o di un film

Vi presento alcuni di questi che sono stati realizzati

Alcuni suggerimenti ….

e altri mini video presenti